Logo Automobile Club  L’Aquila Logo dell´Automobile Club d'Italia Banner dell´Automobile Club  L’Aquila

Home >  Servizio tracciamento dei veicoli per il trasporto delle macerie

Servizio tracciamento dei veicoli per il trasporto delle macerie

L’Aquila 06/02/2014 

A seguito del sisma che ha colpito L’Aquila nel 2009, è stata avviata l’attività di rimozione delle macerie, indispensabile per la fase di ricostruzione della città e, con il decreto commissariale n. 111 del 30 aprile 2012, sono state stabilite le modalità di comunicazione delle informazioni relative ai rifiuti movimentati.
 
Le imprese che partecipano alla rimozione delle macerie si devono registrare e avere a bordo un dispositivo di tracciamento del mezzo che effettua il trasporto dei materiali, che consente di conoscere giorno per giorno le macerie movimentate, i percorsi impiegati e i mezzi in circolazione. E’ stata così siglata una convenzione tra il Soggetto Attuatore per la rimozione delle macerie e l’Automobile Club L’Aquila che si è occupato della fornitura dei dispositivi denominati OBU (On Board Unit) alle imprese, da installare a bordo dei mezzi. L’OBU è dotato di ricevitore GPS e di un modem GPRS integrato; un Centro Servizi che funge da server gateway per la raccolta e successiva elaborazione dei dati, è reso disponibile nel Data Center c/o ACI Informatica. 
 
L’OBU raccoglie le informazioni relative alla posizione e alla velocità del mezzo di trasporto su cui è installato e le trasmette via GPRS al centro servizi mediante il modem in dotazione.

L’OBU deve essere connesso all’alimentazione del mezzo di trasporto delle macerie, solitamente si installa nei paraurti o nel cruscotto. E’ possibile anche collegare la OBU direttamente alla presa accendisigari per una installazione veloce o di test.

Per usufruire dei servizi di tracciamento e visualizzazione dello stato della flotta, è necessario accedere ai servizi TrakIT con apposite Login e Password rilasciate.
 Un sistema informatico realizzato da Mister Wolf srl per la struttura Commissariale ed in particolare per il Soggetto Attuatore, gestisce 2 tipologie di macerie:

Pubbliche, ovvero le macerie a terra, da crollo o da abbattimento a seguito di ordinanze sindacali;

Private, ovvero le macerie prodotte nell’ambito della ricostruzione dalle aziende che vi stanno lavorando (quelle con l’OBU a bordo).
 

Macerie pubbliche

I dati sono immessi dai Comuni, dalla struttura del Soggetto Attuatore, dai Vigili del Fuoco e dagli operatori ASM dislocati presso i punti di conferimento ed in tempo reale sono resi pubblici sul sito internet.

 I dati riguardano:

1. gli interventi di rimozione delle macerie a terra, da crollo o da abbattimento a seguito di ordinanze sindacali, che quindi permette di monitorare l’andamento della rimozione delle macerie e il procedere degli abbattimenti degli edifici;

2. il dato in tempo reale delle macerie che giungono nei punti di conferimento autorizzati, e che quindi vengono realmente rimosse dal territorio.
 Tutti i dati sono consultabili liberamente da tutti gli utenti secondo diverse modalità di navigazione e visualizzazione. L’intero database è reso pubblico (open data - .csv nello specifico), per la massima trasparenza e per permettere a chiunque, al di la delle modalità di visualizzazione proposte nel sito (lista degli interventi, filtri di ricerca, Google Map, statistiche grafiche, Gantt), di elaborare i dati come meglio crede.

 Macerie private

 Si tratta del sistema che traccia l’andamento della rimozione delle macerie nell’ambito della ricostruzione privata. Le aziende con le OBU a bordo vengono monitorate: ad ogni trasporto di macerie, si riportano sul sistema alcuni dei dati presenti sul FIR (già obbligatorio per le aziende).
In questo modo si ha traccia della movimentazione delle macerie all’interno del cratere.

Anche in questo caso, i dati sono resi pubblici ed accessibili a tutti (aziende registrate, mezzi che effettuano il trasporto, punti di conferimento, tipologia di rifiuti).

 Alcuni dati

 Ad oggi sono state consegnate dall’Automobile Club l’Aquila alle imprese 543 OBU e i veicoli associati sono 682. Sul sito "commissarioperlaricostruzione.it", le imprese continuano a registrarsi per avere le OBU.
 Le macerie trasportate sono circa 700mila tonnellate, di cui 425.686 generate dai lavori per edifici pubblici e 273.123 dal settore privato.

 Nel 2009, nel 2010 e nel 2011 è stata effettuata e registrata esclusivamente la rimozione di macerie pubbliche. Rimosse il primo anno 33.029 tonnellate, il secondo anno 69.720 e 94.939 il terzo anno. 
 Sono poi disponibili le percentuali dei cantieri che «producono» macerie suddivisi per provincia e i relativi punti di conferimento dove le macerie vengono destinate attraverso le aziende incaricate.
 Per quanto concerne la ricostruzione privata, sulla base dei dati disponibili, vengono rilevati 1.830 cantieri in provincia dell’Aquila, 41 nel Teramano, 18 nel Pescarese e 1 nel Reatino. Grafici e tabelle evidenziano come la maggior parte delle macerie siano conferite in provincia dell’Aquila.
 
 I soggetti coinvolti nella procedura:

  • Automobile Club L’Aquila (con ACI Informatica)
  • Call Center (Consorzio Lavorabile)
  • Mister Wolf srl (sistema informatico)
  • Aziende di trasporto